ATEX è il nome convenzionale che raggruppa due direttive dell’Unione europea:

 

  • la 2014/34/UE per la regolamentazione di apparecchiature destinate all’impiego in zone a rischio di esplosione; la direttiva si rivolge ai costruttori di attrezzature destinate all’impiego in aree con atmosfere potenzialmente esplosive e si manifesta con l’obbligo di certificazione di questi prodotti; la direttiva 94/9/CE risulta da questa abrogata con effetto decorrente dal 20 aprile 2016;
  • la 99/92/CE per la sicurezza e la salute dei lavoratori in atmosfere esplosive; si applica negli ambienti a rischio di esplosione, dove impianti ed attrezzature certificate sono messe in esercizio ed è quindi rivolta agli utilizzatori.

 

Il nome deriva dalle parole ATmosphères ed EXplosibles.

 

La direttiva 2014/34/UE è entrata in vigore il 30 marzo 2014 ed abroga la direttiva 94/9/CE con effetto decorrente dal 20 aprile 2016; impone la certificazione ATEX a tutti i prodotti commercializzati nell’Unione stessa, indipendentemente dal luogo di produzione e dalle normative in esso in vigore, se installati in luoghi a rischio di esplosione, con l’eccezione di:

 

  • Apparecchiature mediche
  • Apparecchiature e i sistemi di protezione, quando il pericolo di esplosione è dovuto esclusivamente alla presenza di materie esplosive o di sostanze chimiche instabili;
  • Apparecchiature per uso domestico
  • Apparecchiature destinate all’uso in luoghi di produzione o stoccaggio di esplosivi
  • Apparecchiature marittime imbarcate, o comunque offshore
  • Mezzi di trasporto (esclusi quelli per uso in atmosfere esplosive)
  • Apparecchiature progettate e costruite specificamente per essere utilizzati dalle forze armate o per la tutela delle leggi e dell’ordine pubblico. Non sono esclusi gli apparecchi a doppio uso.

 

In Italia, la direttiva ha avuto forza di legge con il decreto del Presidente della Repubblica del 23/03/1998 n. 126. (Regolamento recante norme per l’attuazione della direttiva 94/9/CE in materia di apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva.)

 

Il rispetto della normativa è necessario per le macchine e per tutti gli equipaggiamenti industriali che si trovano ad operare e a lavorare nelle zone a rischio di innesco di esplosione (zona 1,2,21,22). È per questo motivo che le macchine che operano in zone a rischio di esplosione sono trasformate in modo antideflagrante (“Explosion Proof Protected”). I principali produttori di carrelli, motori, veicoli di vario tipo devono provvedere a che tali macchine siano “Ex protected” in base alla zona gas/polveri (1,2,21,22) in cui le macchine andranno a lavorare.

 

https://ec.europa.eu/growth/sectors/mechanical-engineering/atex_en

Spedizioni

GLS, BRT, UPS sono i ns partners per le spedizioni.
Cerchiamo di farti avere ciò che ti serve nel minor tempo possibile. Spedizioni da Italia, Germania e Paesi Bassi.

Pagamenti

Puoi pagare con carta di credito, Paypal, e bonifico bancario.
Scegli il metodo che ti dà maggior fiducia.

Garanzia

La Garanzia è data da noi direttamente, nel caso qualcosa non vada come dovrebbe il Tuo interlocutore siamo sempre NOI!

Clienti soddisfatti

Chi lavora con serietà sa che la chiave del successo di un'azienda è dato dalla soddisfazione dei clienti che tornano e parlano di te e noi lo sappiamo ;-)

Ritira di persona

Preferisci ritirare di persona e farti spiegare il funzionamento di uno strumento?
Acquista con il ritiro in sede, noi ti aspettiamo.

Tutta l'assistenza
di cui hai bisogno

Da 25 anni ripariamo qualsiasi strumento di pesatura, puoi rivolgerti a noi per la riparazione o taratura delle Tue bilance.